Quali sono le attività da aprire?

by on 27/04/14 at 8:07 am

Quale attività aprire.

Ogni fase storica ha le ‘sue attività di punta’, cioè, una serie di imprese che in quel particolare momento, offrono una redditività molto buona e consentono una crescita interessante del business anche per gli anni a venire.

Come in un amarcord, riavvolgiamo il nastro e riportiamo la mente indietro di qualche anno, ripensando alle attività di ‘punta’ solo qualche decina di anni fa :

se pensiamo ad esempio alle edicole ed ai tabacchini alla fine degli anni settanta, alle discoteche ancora nei primi anni ottanta (al numero elevato di quel tipo di attività operative rispetto ad oggi!) e sempre in quel periodo, ai concessionari di auto e moto che garantivano fatturati crescenti a seguito del numero di auto e moto in circolazione che anno dopo anno aumentava.

Alla fine degli anni ottanta ed a seguire nei primi anni novanta, il boom del fitness, delle palestre, della cura del corpo, le aperture di centri estetici e di benessere, per non parlare del boom dei negozi di abbigliamento e calzature sino ai primi anni novanta, senza dimenticare poi del successo dei negozi di computer alla fine degli anni novanta, salvo poi vedere entrare in crisi questo comparto soltanto meno di una decina di anni dopo, tutti questi, costituiscono solo dei ‘piccoli’ esempi di come ogni fase storica ha visto emergere una serie di business che successivamente (magari soltanto dopo pochi anni) hanno cominciato a perdere colpi e veder ridimensionato il loro ‘peso’.

In effetti, alcune attività ‘molto redditizie’ hanno perso nel tempo fatturato ed anche punti vendita.

Il mercato, ha infatti ‘bocciato’ una serie di business che con i cambiamenti in corso non sono riusciti più a trovare una collocazione od un posizionamento adeguato.

La distribuzione commerciale che ha imposto nuove formule e modelli innovativi, ha emarginato moltissime piccole (ma redditizie) attività e contestualmente, si sono modificati molti comportamenti e consumi da parte del pubblico.

index

Quali sono le attività da aprire oggi?

Proviamo a ‘fotografare’ alcuni fenomeni e tendenze apparentemente opposti ma che in realtà, costituiscono due facce della stessa medaglia.

Aprire un fast foood.

In questa fase storica, assistiamo ad un nuovo boom di aperture inerenti i fast food.

Alcuni brand molto presenti, hanno ripreso ad aprire in ogni parte d’Italia con nuovi punti vendita, rinnovando il look, il tipo di offerta, diversificandosi dai concorrenti ed occupando gli spazi di mercato liberi nelle città e nei piccoli centri.

In effetti, si tratta in molti casi di imprese con fatturati elevati, con punti vendita che riescono a ‘fare numeri’ molto interessanti nell’arco della settimana ed in grado di rivolgersi ad un pubblico ampio e differenziato (dalle famiglie, ai giovani, ai turisti di passaggio, alle feste dei bambini, ai pranzi di lavoro, alle coppie, ecc.).

Contemporaneamente, in un segmento completamente opposto, da qualche anno si assiste ad una crescita dei punti vendita di prodotti di ‘qualità’, dal biologico, ai cibi a chilometro zero, ai ristoranti vegetariani, dalla nascita dei Gas, ecc..

Non è una contraddizione!

Si tratta di un mercato e di un pubblico ampio che che spesso, non disegna il cosiddetto ‘cibo spazzatura’ ma anche contemporaneamente, ama i prodotti del territorio, quelli certificati, ecc..

Rimanendo sempre nel settore della ristorazione, ricordiamo il successo dei cosiddetti ristoranti etnici che solo negli ultimi anni, hanno moltiplicato la loro presenza in ogni area del Paese : ristoranti cinesi, indiani sushi, cibo thailandese, cucina messicana, cibo brasiliano, ristorazione di tipo arabo, cucina africana, menù dall’America Latina, ecc..

Che attività aprire. L’analisi dei cambiamenti.

Come del resto abbiamo già evidenziato all’inizio di questo post, oggi si comprano meno giornali, sigarette, automobili, ecc. , si frequentano meno le discoteche (tranne che nel segmento anziani che di fatto, costituisce un’area specifica) rispetto a pochi anni or sono e tutto ciò, si ripercuote ovviamente sul fatturato e quindi, sulla redditività di queste imprese.

Contestualmente, aprono tanti nuovi negozi di prodotti per anziani e disabili; centri per la prenotazione di pullman verso paesi dell’Est (per lavoratori emigrati che rientrano casa periodicamente); è in crescita il numero delle biciclette vendute (di ogni tipologia e qualità); si consuma maggiormente cibo a domicilio (pizze, pasti rapidi, ecc.); si acquistano prodotti tecnologici; ecc..

Quindi, partendo dall’evoluzione dei consumi, dai ‘nuovi bisogni, dalla mappatura dell’attuale società con i suoi membri, si evidenzia una serie di mutamenti anche nei consumi ed in ogni scelta di acquisto.

Definire cosa aprire oggi, significa ‘osservare’, quantificare, mappare ed analizzare i nuovi consumi, le abitudini in evoluzione che contraddistinguono questa fase storica.

Un imprenditore che intende ‘entrare’ sul mercato, deve essere in grado di ‘pesare’ e ‘selezionare’ queste dinamiche, creando un business compatibile con i tempi e tenendo conto che siamo sempre in ‘evoluzione’ e tutto cambia!

Articoli correlati:

  • Cambiare attività. Cambiare settore di attivitàCambiare attività. Cambiare settore di attività Cambiare attività per cambiare vita. Terza parte. Nella puntata precedente, abbiamo ospitato la testimonianza di un commerciante che dopo una breve esperienza nella gestione dell'attività di famiglia, ha chiuso la […]
  • Cambiare attività. Che attività cominciare?   Cambiare attività. Che attività cominciare? Quando arriva il momento di cambiare. Seconda parte. Nella prima parte, abbiamo presentato questo tema cominciando a valutare l'aspetto psicologico, ossia, la difficoltà per un imprenditore di accettare che il proprio […]
  • Quale attività aprire. Quale attività aprire. Aprire un negozio. Come comprendere se un'idea è fattibile. Seconda parte. Nel corso della prima parte abbiamo presentato l'argomento sottolineando come l'aumento dell'offerta avvenuta per ogni prodotto e servizio sul […]
  • Aprire un’attività. Aprire un negozio.Aprire un’attività. Aprire un negozio. Come si fa a sapere quando ne vale la pena? Le liberalizzazioni sul commercio di qualche anno fa, hanno permesso l'avvio di moltissime nuove attività andando conseguentemente a stravolgere gli equilibri che per molti […]