Guadagnare dai fallimenti : comprare aziende fallite e rivenderle.

by on 19/06/12 at 6:38 am

Comprare imprese fallite e vendere i singoli componenti.

In una fase come quella attuale, in cui il numero delle chiusure e dei fallimenti aziendali è in cresciuto in maniera esponenziale, il mercato, abbonda di offerte relative alla vendita di imprese di ogni tipologia che vengono cedute assieme alle attrezzature, alle merci e talvolta anche ai crediti.

Vediamo in questo post, quali sono le possibili opportunità che scaturiscono da un contesto simile.

Di fronte ad un’attività chiusa o fallita, ci sono diverse opportunità di business che possono essere portate avanti a seconda del contesto in cui ci si trova.

  • Comprare un’attività chiusa od in fase di liquidazione con lo scopo di rilanciare l’attività. In questo caso, l’acquirente, intende acquisire un’attività con lo scopo di rimettere sul mercato un business che al momento non ha più spazio, oppure, a causa di una serie di errori e situazioni di varia provenienza, l’attività non è più in grado di andare avanti e quindi, è posta in vendita oppure è semplicemente fallita.

    Un intervento di questo tipo (cioè, l’acquisto di un’attività per riportare la stessa impresa sul mercato), comporta una serie di investimenti che il neo imprenditore dovrà effettuare. Primo fra tutti, il costo di acquisto, poi, l’investimento destinato al rilancio dell’attività, ecc.. Su questi punti, dedicheremo uno spazio apposito nel successivo post.

  • Comprare un’attività fallita e rivenderla ‘a pezzi’. Cioè, attuare il cosiddetto ‘spezzatino’ o ‘frazionamento’. L’obiettivo quindi, rispetto al punto precedente cambia del tutto. Se nel primo caso, lo scopo dell’acquisto era comprare un’attività a prezzo di realizzo per rimetterla sul mercato integralmente con un nuovo progetto d’impresa e con nuove strategie, in questo esempio, si punta invece a suddividere la vecchia attività in più business, prendendo in considerazione una serie di nuove attività che singolarmente si focalizzano su uno o più settori che la precedente impresa gestiva.

    Questo sistema, permette di guardare a diversi obiettivi : dare priorità a quei settori e segmenti maggiormente competitivi e tralasciare quelle aree di mercato meno interessanti. Il tutto questa volta, creando delle nuove attività che si concentrano solo in determinate aree.

    Il vantaggi di questa operazione, possono essere differenti. Innanzi tutto, rilanciare uno o più settori che hanno maggiori opportunità; permettere al neo imprenditore di concentrarsi meglio su quelle aree più dinamiche e profittevoli, potendo così ritrovarsi un’impresa ben avviata nel giro di poco tempo e rivenderla sul mercato ad un prezzo sicuramente profittevole. Dall’altra, è possibile trovare più facilmente un numero maggiori di acquirenti per i singoli specifici rami di attività del vecchio business che verranno venduti singolarmente a specifici compratori dopo essere stati riqualificati.

    I compratori di questi nuovi business riqualificati, potranno essere delle imprese che già operano nel solito settore e vogliono ‘rafforzare’ la propria presenza, oppure, ci si può trovare di fronte a neo imprenditori che intendono acquisire un’attività efficiente e redditizia già operativa.

  • Comprare un’azienda fallita od in fase di chiusura per rivendere singolarmente i suoi beni (attrezzature, crediti vantati ed ancora non riscossi, pacchetto clienti, ecc.).

    Con questo metodo, si individua un’impresa che sta per chiudere e si prendono in considerazione le sue attività, sia i beni materiali (attrezzature, macchinari, ecc.), il cosiddetto avviamento (reputazione, portafoglio clienti, ecc.), le attività di altro genere : crediti vantati verso clienti (molti dei quali ‘immobilizzati’), i lavori in corso, ecc..

    In pratica, l’acquirente deve riuscire a comprendere quanto è possibile ricavare da un’impresa morente in una determinate fase temporale.

    Il concetto di tempo in una situazione simile, è molto importante e va calcolato con precisione. Ad esempio, il pacchetto clienti, prima di disperdersi con la chiusura dell’impresa, deve essere acquisito seguendo tutta una serie di regole.

    Anche i crediti vantati, devono essere verificati per capire il reale valore di questa componente. Infatti, ci sono crediti che saranno difficilmente esigibili ed altri che integralmente o parzialmente, potranno essere recuperati.

    Per quanto riguarda le attrezzature, serve farsi un’idea di quanto sia possibile ricavare da una vendita anche parcellizzata di questi beni e quali sono i tempi ed i costi di un’operazione di questo tipo.

    In pratica, si finisce per fare il lavoro simile in certi aspetti a quello di un centro demolizione auto che dalla carcassa del veicolo, cerca di recuperare il più possibile per vendere singolarmente i singoli componenti.

    Anche questa terza ipotesi di acquisizione di un’attività, richiede grandi competenze che permettono di avere una visione d’insieme ma anche singole conoscenze specifiche per quanto riguarda i vari aspetti.

Nella seconda parte, analizzeremo le singole voci che in questo post abbiamo presentato.

In particolare, definire il valore di un’attività che si va ad acquistare e le criticità che derivano da una simile operazione.

Continua.

Articoli correlati:

  • Comprare case ed attività dai fallimenti. Seconda parte.Comprare case ed attività dai fallimenti. Seconda parte. Guadagnare dai fallimenti. Bentornati nella seconda parte di questo argomento. Nella prima puntata, abbiamo evidenziato alcune linee generali che sono importanti da seguire quando si intende investire nei fallimenti […]
  • Rilevare un’attività.Rilevare un’attività. Comprare da fallimenti. Terza parte. Investire in un'azienda, rappresenta ancor oggi una modalità seguita da parecchi investitori per impiegare i propri capitali ed in alcuni casi, anche con l'obiettivo (per le […]
  • Comprare attività fallite e rilanciarle.Comprare attività fallite e rilanciarle. Comprare dai fallimenti e concludere buoni affari. In un panorama generale influenzato dalla crisi globale, il numero delle attività che sono fallite o che in ogni caso, al momento stanno vivendo un periodo di […]
  • Come aprire una start up.Come aprire una start up. Guadagnare con una start up. Seconda parte. Parlare di come avviare una start up, significa sopratutto creare un progetto imprenditoriale nuovo in grado di 'attecchire' in un tempo abbastanza certo e con delle 'basi' […]